sci club caluso since 1923
sci club caluso                                since 1923

Prefazione

Sui vocabolari di «Lingua Italiana», in genere, lo sci è definito: «Pezzo di legno, lungo circa due metri e largo 10 cm., ricurvo in punta, adatto per scorrere velocemente sulla neve...». Questa è 1'arida definizione letteraria, che ci lascerebbe indifferenti, mentre nella sua tangibile realtà, tutti ormai sappiamo quanta consistenza, quanto valore e quale merito sportivo abbiano questi «pezzi di legno».
Con un qualsiasi pezzo di legno, Geppetto creò il più famoso burattino del mondo, e gli sportivi diedero vita ad uno degli sport più eleganti, più completi, più popolari!
Sebbene, almeno per noi Italiani, sia uno sport giovane, già siamo in grado di classificarlo tra quelli più diffusi, più praticati e più seguiti e dal quale già ebbimo grandi soddisfazioni con i Colò, con i Thoni...
L'atleta, che diventa campione, si può definire 1'essere fisicamente più completo che la natura possa creare; tutto, in lui deve essere eccezionale: forza muscolare, elasticità, intelligenza, coraggio, armonia di movimenti, riflessi scattanti, cuore e polmoni d'acciaio con un coordinamento d'insieme all'apice della perfezione.
E' diventato anche uno sport di massa: basti ricordare le comitive variopinte e gaie degli sciatori giovani e meno giovani che, nei giorni festivi, sciamano allegramente sulle innevate piste degli attrezzatissimi campi di neve.
Il perché di questo massiccio concorso di gente è facilmente deducibile: lo sci è uno sport salubre, divertente, appassionante. Cosa si può trovare infatti di più sublime che la vista dei maestosi picchi, dei titani bianchi, che svettano contro il cielo terso ed azzurro e che sembrano guardarci con benevolenza dalla loro alta maestà, mentre ci azzardiamo a saettare tra le gole, gli anfratti e gli strapiombi che declinano ai loro piedi? Quale intima gioia, quale soddisfazione più grande, che provare 1'ebbrezza folle della veloce discesa, che ci mozza il fiato e ci da 1'illusione di librarci nell'infinito?
Quale aria più pura, più distillata, più ossigenata possiamo immettere nei nostri polmoni? E quale più indicato relax per il nostro sistema nervoso, sempre teso sotto lo sforzo di un frenetico modus vivendi?
Da molti anni, con pubblicazioni sulle più quotate riviste mediche, eminenti studiosi specializzati, classificano la ginnastica derivante da tale sport, come il più efficace toccasana per galvanizzare i sensi motori del cervello, per corroborare la elasticità e la forza del sistema muscolare, per alimentare 1'apparato di tutti gli organi vitali e per rinvigorire le carenze di un fisico rachitico, fiacco ed adiposo. Sensibilizzati da tali consigli, alcuni volenterosi Calusiesi, superando le infinite difficoltà che sempre si accodano a tutte le iniziative nuove, spinti dalla loro stessa passione, diedero vita ad una associazione che, abbinata al Gruppo Sportivo, si sarebbe occupata dello sport sciistico, organizzando gite collettive per raggiungere le più celebri piste montane, e per curare la preparazione dei giovani con una intelligente scuola pre-sciistica.
Alcuni si avvicinarono con entusiasmo, altri con diffidenza, altri con scetticismo, ma tutti, alla fine, ne ottennero benefici così tangibili, che nel giro di pochi anni il numero degli aderenti subì un aumento notevole.
Ora la « Sezione Sci », ramo del Gruppo Sportivo, è diventato « Sci Club Caluso o con un'associazione a se stante, con un valido Presidente, attorniato da consiglieri e da appassionati, indispensabili per la buona riuscita di ogni organizzazione, con un numero di iscritti davvero eccezionale. Prova questa di una lodevole guida dei dirigenti.
Proprio quest'anno lo sci a Caluso compie il 50° anno di vitalità, per cui i solerti componenti il comitato con lo « sci club » hanno stabilito di festeggiare il lieto avvenimento, illustrando, con una breve sintesi, la nascita e la crescita in Caluso di questo illustre sport, volendo con questo opuscolo, lasciare ai posteri un simpatico ricordo di coloro che, con tanto entusiasmo e con altrettanta fede, lo portarono a sempre maggiore gloria.
Ad essi appunto è dedicato il nostro semplice ma schietto racconto.
e. g.

 

 

Stampa Stampa | Mappa del sito
© sci club caluso